martedì 9 maggio 2017

Pantxineta, il dolce alla crema tipico dei Paesi Baschi


Questo dolce, semplice ma allo stesso tempo delizioso, è tipico della città basca di San Sebastian ed ha contribuito alla fama che hanno i dolci baschi.
Fu inventato agli inizi del secolo scorso nella Pasticceria Casa Otaegui che già allora era fornitrice della casa reale. In quel periodo la città di San Sebastian era stata scelta dalla Regina Maria Cristina per stabilirvi la sua residenza estiva e divenne mèta dell'aristocrazia francese e svizzera con i suoi cuochi al seguito che vi trovò rifugio durante la prima guerra mondiale.

Il suo nome in basco pantxineta (o panchineta in spagnolo)dovrebbe derivare dalla crema frangipane che portarono i pasticceri francesi e che la Pasticceria Casa Otaegui modificò aggiungendo ad una densa crema pasticcera le mandorle tostate e tritate, racchiudendola tra due strati di pasta sfoglia. 



Ingredienti: (per 6 pantxineta da 10 cm di diametro e 4 da 7 cm)

  • 2 rotoli di pasta sfoglia 
Per la crema pasticcera
  • 1/2 lt di latte
  • 4 tuorli d'uovo
  • 3 cucchiai di amido di mais
  • 150 gr di zucchero semolato
  • i semi di 1/2 bacca di vaniglia
  • un pezzetto di stecca di cannella
  • una scorza di limone non trattato
Da aggiungere alla crema pasticcera
  • 100 gr di mandorle spellate, tostate e tritate (ma non tutte le ricette le prevedono, sicuramente danno più gusto alla crema)

Per guarnire
  • mandorle a lamelle 
  • zucchero a velo

Iniziate a preparare la crema pasticcera portando ad ebollizione il latte con vaniglia, cannella e scorza di limone.
Nel frattempo amalgamate bene i tuorli con lo zucchero e l'amido di mais aggiungendoci un goccio del latte messo sul fuoco.
Quando il latte è giunto ad ebollizione versatelo sul composto di tuorli d'uovo mescolando velocemente e rimettete il tutto sul fuoco a fiamma dolce mescolando continuamente fino a che non raggiunge la giusta consistenza.
Versate la crema in un contenitore basso di vetro o di metallo per farla freddare coperta con della pellicola a contatto perché non formi la pellicina.

Quando la crema è ormai fredda amalgamateci le mandorle tritate. 

Ricavate dalla pasta sfoglia 12 dischi del diametro di 10 cm, su 6 dischi che bucherete con i rebbi di una forchetta disponete un bel cucchiaio abbondante di crema lasciando libero un bordo di 1 cm, inumidite con del latte il bordo degli altri dischi e ricopriteci i dischi con la crema pressando bene tutto il bordo perché non si aprano durante la cottura. Praticate sulla cima un piccolo foro per far uscire il vapore mentre cuoceranno.




Ponete le pantxineta su una teglia rivestita di carta da forno, quindi spennellatele con del tuorlo misto ad un goccio di latte e disponete sopra le mandorle a lamelle.



Fate cuocere circa 30 minuti in forno a 190°C nel secondo ripiano dal fondo.




Una volta cotte cospargetele di zucchero a velo e potete anche accompagnarle con del cioccolato bollente ottenuto portando a bollore della panna e fuori dal fuoco facendoci sciogliere del cioccolato fondente.


Potete mangiarle sia calde che fredde, sono divine!! 

Alla prossima! =^-^=

domenica 30 aprile 2017

Tartufi al cacao per la cucina del recupero


Questa volta vi parlo di una ricetta del recupero ma legata ai ricordi della mia infanzia.
Avete anche voi degli avanzi di dolci o biscotti ancora buoni ma non più fragranti? Dopo la Pasqua ne avevo un pò e così ho voluto fare quei pasticcini che da bambina adoravo ma che mia madre, con il suo concetto del "Si comprano solo le cose migliori!" mi ha fatto sempre desiderare, come pure la mortadella perché per lei era meglio un buon prosciutto crudo, ma volete mettere un bel pezzo di pizza bianca romana aperta a libro ed imbottita di profumatissima mortadella appena affettata? 
Tornando ai tartufi al cacao, secondo quanto diceva mia madre erano fatti con gli avanzi delle pasticcerie, ma io non potevo credere che quelle squisite palline piene di gusto fossero fatte con gli avanzi. Fatto sta che non appena sono cresciuta abbastanza per andare da sola in pasticceria erano tra le mie paste preferite insieme ai cannoli siciliani.
Da ragazzetta più volte ho tentato di rifare i tartufi con le ricette che qualche volta trovavo sulle riviste, ma pieni di burro e ricoperti di cacao non erano i tartufi di cui ero golosa.
Solo parecchio dopo ho scoperto che mamma aveva ragione, quelli che piacevano a me erano fatti veramente con gli avanzi di torte e biscotti, ma allora anziché andarli a comprare ho iniziato a farli da sola. 
I tempi della fanciullezza sono passati da tantissimo, ma per mia cugina Laura e per me i tartufi hanno sempre il sapore di allora.



Ingredienti: (per circa 20 tartufi)

  • 250 gr tra avanzi di torte e biscotti al cioccolato
  • 2 cucchiai colmi di confettura di albicocche o a vostro gusto (io ho usato della confettura di visciole)
  • 40 gr di cacao amaro in polvere
  • 1 cucchiaino di rum 
  • codette di zucchero per guarnire
Versate nel mixer tutto tranne le codette di zucchero e fate andare fino a che non otterrete un composto omogeneo ma se dovesse essere troppo asciutto aggiungete ancora un pò di confettura. Una volta pronto preso con le mani ve le lascerà pulite.



Ricavatene tante palline da 20 gr ciascuna e rotolatele nelle codette di zucchero. Al loro posto potete anche usare del cocco disidratato, delle scaglie di cioccolato o della mompariglia.



Conservateli in frigorifero fino a mezz'ora prima di gustarli.



Un modo per utilizzare tutti gli avanzi di dolci e biscotti creando qualcosa di buono e simpatico. 

                 VARIANTE CAKE POPS 

Se volete realizzarli in una veste ancora più simpatica per i bambini evitate il rum, formate le palline, infilzatele con un bastoncino per lecca lecca e rotolatele nel cioccolato fuso bianco o al latte, decoratele a piacere con confettini colorati, codette, cocco disidratato e fate asciugare la copertura infilzando il bastoncino nel polistirolo.
Conservateli in frigo fino ad una mezz'ora prima di offrirli.  


                                                                   Cake pops (foto da wikimedia di Taryn)

Alla prossima ricetta!  =^-^=