sabato 5 dicembre 2015

Gambir, il pancake della Mongolia



Da lunedì scorso con UB che ci ospita nel suo blog "Un uomo dal bagno alla cucina" e con tutto il gruppo dell'Abbecedario culinario mondiale abbiamo lasciato il clima mediterraneo della Tunisia e siamo giunti in Mongolia.



La natura aspra di questo paese è veramente affascinante, regno incontrastato dei pastori nomadi (circa 1/3 della popolazione) che affrontano condizioni di vita molto dure per seguire le mandrie ed i greggi. La loro abitazione trasportabile si chiama "ger" ( in russo "yurta"), bianca e dalla forma cilindrica  per resistere ai venti della steppa è la dimora che protegge i pastori dalle temperature pungenti dei lunghi inverni dell'Asia centrale e dal caldo torrido del deserto del Gobi. Può essere smontata e rimontata in meno di un'ora, con la sua stufa in ghisa che serve per scaldare l'ambiente e per preparare i pasti.


Gers mongole nella steppa (foto da wikipedia di Yosemite)
Persino nella capitale Ulan Bator molte abitazioni non sono in muratura ma sono le tradizionali gers.

Cercando delle ricette destinate ad UB ne ho trovata una in un post dove delle sorridenti ragazze mongole preparavano queste specie di frittelle dolci all'interno della ger cucinandole sulla stufa.
Beh, ho voluto provarle.

Ingredienti (per 4 gambir)

  • 250 gr di farina
  • 1,5 dl di acqua
  • 4 cucchiai di zucchero
  • un pò di burro fuso per spennellare le frittelle
  • burro per friggerle
  • zucchero a velo, cannella in polvere e confettura di frutti di bosco come decorazione






Cominciate a lavorare la farina con l'acqua fino ad avere un 
composto compatto che lascerete riposare avvolto nella pellicola per 15 minuti.


Riprendete l'impasto lo lavorate ancora un pò e quindi lo dividete in 4 parti.

Allargate una delle parti con il mattarello, lo spennellate di burro fuso e lo cospargete di zucchero.

Arrotolate la sfoglia su se stessa e la avvolgete a chiocciola schiacciandola nuovamente sul piano di lavoro. 



La stendete nuovamente con il mattarello a 3 mm di spessore.

Praticate al centro 2 tagli per farla cuocere bene anche all'interno e la friggete in padella con un pò di burro a fuoco basso perché non rimanga cruda internamente.




La cospargete con zucchero a velo e cannella e la servite con della confettura di frutti di bosco o quella che più vi piace.

E' uno spuntino semplice ma davvero gustoso. Alla prossima!! =^-^=


2 commenti:

Martissima ha detto...

bellissimo post Resy, e ricetta golosissimaaaaaa!!!

Ornella Camatta ha detto...

Cosa mi sono persa! Ricetta interessantissima!

Posta un commento