lunedì 13 giugno 2011

Guscio di frolla con crema pasticcera e ...........


Domenica, pranzo appena terminato e voglia di un dolcetto da offrire!!

Nel frigo una dose di frolla già pronta( quella dei biscottini per la fine della scuola di cui avevo usato solo una dose) ed un nuovo stampo da crostata da 20 cm da inaugurare.
Una semplice crostata con crema pasticcera mi sembrava troppo scontata ed allora?




Dopo aver imburrato ed infarinato lo stampo vi cuoco "in bianco" la frolla (dopo averla punzecchiata con i rebbi della forchetta) a 200° gradi per 15 minuti ed in contemporanea cuocio 6 crostatine monoporzione con semplice Nutella (la dose di frolla è stata sufficiente per tutto questo).

Mentre cuoce la frolla preparo una crema pasticcera aromatizzata alla vaniglia con 1/2 di latte, 4 tuorli, 4 cucchiai di zucchero e 3 cucchiai di farina, la lascio quindi freddare.

Volevo rendere la tortina più morbida, così ho inzuppato dei Pavesini (ma sarebbero andati bene anche dei savoiardi o del pan di spagna avanzato) con Baileys allungato con un pò di latte.

Li ho sistemati sul guscio di frolla (se lo stampo fosse stato più grande se ne sarebbe dovuto fare un doppio strato).
Questa operazione per la fretta l'ho fatta direttamente nello stampo, ma per non aver difficoltà nel toglierla dopo averla farcita vi consiglio di togliere dallo stampo il guscio di frolla ormai freddo e sistemarlo subito sul piatto da portata.

Sistemo sul letto di Pavesini la crema pasticcera ormai fredda e la cospargo di riccioli di cioccolato e .......

.....lamelle di mandorle, guarnendo con 2 cuoricini di frolla appena "sporcati" di Nutella!!

Io avevo poco tempo, ma potendo sbizzarrirsi potrete guarnirla con tantissime altre cose, frutta fresca immersa nel cioccolato, amaretti sbriciolati, insomma dando sfogo alla vostra fantasia secondo quanto avrete a disposizione!!



7 commenti:

Tamtam ha detto...

ciao Resy, ti ho voluto restituire subito la visita, incuriosita anche dalla frase sui felini...ma è come il mio Matisse da piccolo, è bellissimo ha pochi mesi si vede....la mia new entry, si chiama Bobulina, è terribile tiene a bada i due maschi, grandi, anzi li attacca pure, ma con Matisse non ce la fa, ha degli artigli da gatto norvegese, cha tagliano la carne....
ma tu fai dei bellissimi dolci e torte, adesso ti metto nel mio blogroll, non posso perderti e mi iscrivo...ciao carissima

resy ha detto...

@Tamtam
Grazie Tamara per la visita, hai capito perché i tuoi amici avevano un'aria familiare. Anche il nostro Simba (ora ha 9 mesi e 1/2) ha degli artigli da paura, le mie mani fotografate in alcune ricette ahimé lo testimoniano. Ti ringrazio per i complimenti, non ci perderemo di vista!!!!
Ciao ciao

Tamtam ha detto...

Resy ciao, ti rispondo qui, questa ricetta l'ho presa da Adriano, e dico la verità, è una garanzia, anche per una come me, che non si fida di nessuno....non ridere....lui l'ha avuta da un ristorante o un forno e negli anni l'ha fatta e rifatta fino a trovare la ricetta "perfetta" e ti giuro, sono stupende, si lavorano male, è un impasto che non sta insieme, ma piano piano, l'ammoniaca serve dare sofficità, ma non si sente e molti biscotti, specialmente ricette di una volta la prevedevano,,,un salutone....ma tu l'hai visto Matisse a grandezza naturale? se sei su fb nel mio profilo ci sono le foto...buona giornata

Tamtam ha detto...

ti ho chiesto io amicizia....:-)

neve di marzo ha detto...

bella la crostata,e anche il nome con cui l'hai chiamata,lo riciclo!Pavesini sul fondo,mi hai dato un'idea nuova!Passa da me se ti va!

Rosalba ha detto...

ma ciao Resy!!!!!!!
ma che bello sentirti :-)
ma certo che mi ricordo di te
mi aggiungo immediatamente ai tuoi sostenitori
p.s.:il tuo Simba è formidabile

Luciana ha detto...

Proprio un dolcetto al bacio!!! perfetto e goloso, complimenti :))

Posta un commento