mercoledì 10 aprile 2013

La soupe aux oignons




Questa zuppa è stata considerata per secoli un alimento popolano per l'abbondanza di cipolle e la  facilità nel coltivarle.
In Alvernia era considerata la zuppa dei pastori che facevano la transumanza. Il lardo e le cipolle erano facilmente trasportabili e sui pascoli c'era il formaggio fresco da aggiungerci (un pò come la storia della pasta alla Grigia ed alla Amatriciana nel Lazio).
Poi sembra che l'abbiano scoperta i nobili, il re Luigi XV o  il re Luigi XIV ed è diventato un piatto nobile usato dalla povera gente per mascherare l'odore di vino quando avevano alzato il gomito!!
Da tempo avevo voglia di provare questa zuppa e l'Abbecedario culinario europeo (per la Francia ospitato da Elena dello "Zibaldone culinario") me ne ha dato il modo.



In casa tutti amiamo la cipolla, anche se le ragazze la mangiano esclusivamente il venerdì sera non dovendo andare il giorno dopo a scuola ed a lavoro.
Nelle varie ricette francesi c'è chi usa il brodo, chi il vino, chi timo ed alloro.
Anche sulla cottura delle cipolle i pareri sono contrastanti. Chi asserisce che le cipolle debbano restare bianche, chi invece  che debbano essere brunite per la caramellizzazione.
Io ho seguito quella che dicono sia tra le più tradizionali e debbo dire che anche se di sera non è certo il piatto più leggero da mangiare, il sapore è delizioso.

Ingredienti  (per 2 porzioni)


  • 300 gr di cipolle già pelate
  • 25 gr di  burro
  • 2 tazze di brodo
  • 1 cucchiaio raso di farina 
  • 4 fette di pane casareccio
  • 50 gr di groviera  (o emmenthal) .
  • sale
  • pepe
Per prima cosa mettere le cipolle con il burro nel tegame e farle sudare a fuoco basso finchè non prenderanno  colore.


Aggiungere quindi la farina ed il brodo e far cuocere per circa 30 minuti, aggiustando di sale, se necessario,  a cottura ultimata.



Tostare le fette di pane casareccio, porre la zuppa di cipolle nelle ciotole resistenti al  fuoco, disporvi sopra le fette di pane, il formaggio grattugiato e far gratinare sotto il grill del microonde.
Quando il formaggio sarà filante dare una spolverata di pepe appena macinato ed un giro di olio extra vergine d'oliva di quello che ci hanno regalato i genitori del ragazzo di mia figlia spremuto dalle olive delle loro piante, semplicemente delizioso.




Mangiatela caldissima, vi conquisterà (magari non a cena )!!  ;-)

5 commenti:

elena ha detto...

L'adoro...anch'io ce l'avevo in lista, è troppo buona, grazie!

resy ha detto...

Elena aspetto di vedere anche la tua ricetta, anche a me è piaciuta tantissimo.......e non lascia l'alito pesante!! ;-)

Cristina ha detto...

FInalmente una zuppa di cipolle ben spiegata!Sai da quanto tempo sto "corteggiando" questa ricetta?!Credo che a breve la proverò!Ti ho lasciato un premio nel mio blog e per non perdermi i tuoi prossimi post mi sono unita ai tuoi lettori.
A presto
Cristy

Lory ha detto...

Ciao! Ti ho conosciuta per caso...
Il tuo blog è davvero molto bello e mi sono unita ai tuoi followers :o)
Se ti va, passa da me ;o)

http://bazzicandoincucina.blogspot.it/

Buona serata,
Lory

Martissima ha detto...

immaginavo che tu parlassi di questa nel commento che mi hai lasciato…^___^ in effetti ero indecisa tra le due, ma vedo che abbiamo scelto bene così la raccolta le conterrà tutte e due.

Posta un commento