lunedì 17 marzo 2014

La Alexander torte della Lettonia


Alla ricerca di ricette per la raccolta dell'Abbecedario culinario europeo ospitato per la Lettonia da Brii di "briggishome.wordpress.com" ho ritrovato una  torta che avevo già notato quando eravamo alle prese con le ricette dell'Estonia.



Come spesso accade, anche per questa torta non si conosce con esattezza il paese di origine e l'occasione per cui era stata creata.
Io prendo per buono quanto affermato nel libro "Latvian Cooking" di Ingrid Wallace: - "Questa ricetta è stata inventata nella capitale della Lettonia Riga più di cento anni fa, durante una visita di uno zar russo (che dovrebbe esser stato Alessandro I)............ in più ogni casalinga lettone ha la sua propria ricetta della  Alexander Cake,  in tutte le forme e dimensioni ".

Ha un impasto molto semplice, ma allo stesso tempo talmente delicato che durante l'assemblaggio si rischia di mandare tutto in briciole.
Normalmente la farcitura è con confettura di lamponi, ma sembra vada bene anche qualunque altra confettura purché sia aspra per contrastare il dolce della pasta e della glassatura.

Ingredienti:

Per la pasta

  • 250 gr di burro
  • 450 gr di farina 00
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 uovo intero
Per la farcitura 
  • 350 gr di confettura di lampone (o altra purché sia aspra)
Per la glassatura
  • 250 gr di zucchero a velo 
  • 4 cucchiai d'acqua (io uno l'ho sostituito con alchermes)
  • 2 cucchiaini di succo di limone 
Dopo aver formato una fontana con la farina, lo zucchero ed il lievito, impastare con la punta delle dita il burro freddo di frigorifero tagliato a tocchetti fino ad avere delle briciole.


Amalgamare ora questo impasto di briciole con l'uovo, dividere l'impasto in due parti uguali, avvolgerle nella pellicola e farle riposare per 1 ora in frigorifero.



Stendere sulla carta da forno con il mattarello ognuna delle due parti di impasto e disporle in teglie da 20 cm x 25 cm e farle cuocere in forno già caldo a 175° per 20 minuti.


Con l'aiuto della carta da forno si sposta il primo strato di pasta sul vassoio facendo molta attenzione perché è molto friabile.
Dopo aver fatto sciogliere sul fuoco in un pentolino per 3 minuti la confettura ( che avrete passato al setaccio se ha i semi) distribuirla sul primo strato di pasta.
Io ho utilizzato dell'ottima confettura di mirtilli che ai miei piace tanto.


Con l'aiuto della carta da forno disporre sopra il secondo strato di pasta e ricoprirla con la glassa ottenuta mescolando lo zucchero a velo con l'acqua ed il succo di limone.



A piacere guarnire con piccole decorazioni di zucchero e tagliare a quadrotti con delicatezza.



Anche la glassatura potrete aromatizzarla come più vi piace, anche al cacao. E'ottima per accompagnare un buon caffè pomeridiano.


8 commenti:

Antonella Miceli ha detto...

Che meraviglia cara Resy!
Antonella

resy ha detto...

Ma grazie Antonella ^-^

terry ha detto...

Wo che bella e che colorata! ottima ricetta per questa tappa! :)

resy ha detto...

Si Terry, colorata ed anche buona!!! ;-)) Un abbraccio

briggishome ha detto...

Hihi, è perfetta anche con una tazza di tè ai frutti di bosco aromatizzata con il black balzams!
:D
Non sapevo come si chiamasse...ma è davvero buonisssssssima!!!
Grazie Resy, supergolosa!!!
baciusssss
brii

resy ha detto...

Hai ragione Brii, anche un buon tè andrebbe bene per accompagnarla!! Baci

Aiuolik ha detto...

Grazie per la tua partecipazione, ormai immancabile! Ecco la pagina con tutti i contributi: http://abcincucina.blogspot.com.es/2014/03/u-come-undens-klinger.html...e ora pronta per la Lituania?

Ciauuuuu
Aiu'

resy ha detto...

Grazie Aiù, io sono già pronta, ho in mente qualche ideuzza niente male per la Lituania!!! Baciotti

Posta un commento