sabato 27 febbraio 2021

Gnocchi di fagioli cannellini



Tra i legumi i fagioli sono sicuramente quelli più presenti nelle ricette tradizionali del nostro paese. Che siano stati introdotti dagli Etruschi provenienti dall'Africa (come la meravigliosa "fagiolina del Trasimeno") o che siano giunti fino a noi dalla Spagna dopo la scoperta dell'America, rappresentano una fonte proteica che per centinaia di anni li ha fatti definire la "carne dei poveri". Abbinati ai cereali rappresentano un pasto completo, ma anche da soli non sono certo considerati un contorno bensì un piatto vero e proprio, come i fagioli con le cotiche alla romana. 

Volevo realizzare un primo, e di ricette ce ne sarebbero state tantissime, visto che da nord a sud paste e minestre con i fagioli sono innumerevoli, ma anziché fare una pasta "con" i fagioli perché non utilizzare i fagioli per fare la pasta? 

Quale pasta migliore degli gnocchi quindi per utilizzare i fagioli nell'impasto! Gli gnocchi nel tempo hanno subito numerose trasformazioni, partendo da un semplice impasto di farina di cereali ed acqua (cereali che inizialmente erano farro, orzo, miglio, segale, panìco). Successivamente alla farina o pangrattato si sono aggiunti uova o formaggio, fino all'arrivo della patata portata in Europa  dopo la scoperta dell'America. Tuttavia gli gnocchi, che inizialmente venivano chiamati "maccheroni", dal verbo ammaccare cioè impastare, possono essere realizzati anche con altri ortaggi (zucca, carote, spinaci, melanzane), con la farina di castagne ma anche con legumi come ceci e fagioli.

La realizzazione di questi gnocchi di fagioli cannelli è semplicissima come per quelli di patate, non resta quindi che tirarsi su le maniche e mettere le mani in pasta!!



Ingredienti: (per 3 persone)

Per gli gnocchi

  • 500 gr di fagioli cannellini lessati
  • 130 gr di farina 00 + altra per la spianatoia
  • 1 uovo intero
  • un pizzico di sale 
Per il condimento
  • 400 gr di polpa di pomodoro
  • 100 gr di pancetta affumicata
  • 1/2 cipolla tritata
  • 4 cucchiai olio e.v.o.
  • sale e pepe q.b.
  • parmigiano e pecorino grattugiati

Se utilizzate fagioli secchi metteteli a bagno in acqua la sera prima e lasciateli così tutta la notte, circa 12 ore. 
La mattina seguente sciacquateli e fateli cuocere in una pentola coperti d'acqua a fuoco moderato fino a che non sono cotti, ci vorranno almeno 2 ore, aggiungendo ulteriore acqua calda se ce ne fosse bisogno.
Una volta cotti scolateli bene e passateli al mixer.
Versare la purea di fagioli sulla spianatoia, aggiungete la farina, l'uovo ed un pizzico di sale. Impastate rapidamente e con l'aiuto di altra farina formate dei cilindri del diametro di un dito e tagliate con il tarocco gli gnocchi.
Se non doveste utilizzarli subito potete congelarli ponendoli prima su un vassoio ricoperto di semolino ben distanziati, fateli congelare così nel freezer e una volta congelati riponeteli in un sacchetto per alimenti.


Per il condimento fate innanzitutto diventare croccante la pancetta a dadini in 1 cucchiaio d'olio, tolta dalla casseruola sgocciolandola dall'olio mettetela da parte. Aggiungendo l'altro olio fate appassire nella stessa casseruola la cipolla tritata, aggiungete la polpa di pomodoro, aggiustate di sale ed a cottura ultimata (circa 15 minuti) unite una bella macinata di pepe.

Fate lessare gli gnocchi in abbondante acqua salata, scolandoli quando vengono a galla.

Conditeli abbondantemente con il sugo, impiattate, disponete un po' di pancetta croccante su ogni piatto e spolverizzate con abbondanti parmigiano e pecorino grattugiati. 

Il primo per la Fattoria consapevole e solidale a base di legumi è pronto.

 
Seguiteci su FB e IG con l'hashtag: #fattoriasolidaleeconsapevole 


venerdì 26 febbraio 2021

Burger di piselli, patate e carote

 


Per la realizzazione di un secondo a base di legumi per la Fattoria consapevole e solidale ho voluto utilizzare i piselli, ma in una ricetta un po' diversa dalle solite che li vedono come contorno.

Rispetto agli altri legumi i piselli sono più digeribili e sono adatti alle diete ipocaloriche ed ipolipidiche, sono ottimi freschi ma anche surgelati.

Come anche gli altri legumi sono utilizzati molto nella realizzazione di paste e minestre, di cui i famosi risi e bisi sono solo una delle ricette più famose, o come accompagnamento a carne e pesce come nelle seppie con piselli.

Questi burger sono un modo appetitoso per consumare legumi e verdure che possono sostituire la carne o il pesce in una dieta bilanciata e che sicuramente piaceranno anche ai più piccoli.


Ingredienti per 6 burger:

  • 250 gr di piselli sgranati freschi o surgelati
  • 1/4 di cipolla tritata
  • 2 patate ( circa 300 gr)
  • 1 carota
  • 1 uovo intero
  • 2 cucchiai di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio di pangrattato + un po' per la panatura
  • sale e pepe q.b.
Dopo aver fatto insaporire la cipolla tritata in 1 cucchiaio d'olio aggiungete i piselli con 1/2 bicchiere d'acqua e fate cuocere circa 10 minuti, salandoli a fine cottura per non farli indurire.

Lessate le patate con tutta la buccia in acqua fredda fino a che non sono morbide se inserite una forchetta, altrimenti fatele cuocere nel microonde per 9 minuti, avvolgendo ogni patata nella carta da forno, bucherellando con uno stecchino di legno la carta e le patate perché non scoppino e girandole a metà cottura.

Passatele nello schiacciapatate ancora calde.

Lessate anche la carota tagliata a dadini in acqua fredda salata fino ad averla cotta ma ancora croccante.

In una ciotola unite le patate schiacciate, i piselli e le carote, l'uovo, il parmigiano grattugiato ed aggiustate di sale e di pepe.

Potete anche arricchire l'impasto con del prezzemolo tritato.

Se il composto dovesse essere troppo morbido aggiungete il pangrattato. Formate i burger e passateli nel pangrattato per ottenere una leggera panatura.

Ungete appena una padella antiaderente e quando è calda disponete i burger girandoli delicatamente fino a che non sono dorati.

In questo modo saranno leggeri come cotti al forno. 

Seguiteci su FB e IG con l'hashtag: #fattoriasolidaleeconsapevole